Accoglienza Orientamento
e Sostegno

Per sostenere le famiglie che si trovano in condizioni di grave difficoltà economica,
sia permanenti che passeggere.

Il progetto in sintesi

“Accoglienza Orientamento Sostegno” lavora sul contrasto alla povertà economica, attivando la capacità progettuale delle persone, potenziando la rete di supporto e di aiuto, offrendo un sostegno economico personalizzato.
L’obiettivo è di promuovere l’autonomia generale delle persone sia attraverso prestazioni economiche sia mediante l’orientamento e l’accompagnamento all’uso delle risorse dell’Ufficio Pio, interne ed esterne.

Gli obiettivi specifici

– Evitare che la condizione di povertà economica provochi un aggravamento non solo della situazione abitativa ma anche di altri aspetti come il lavoro, la salute, la cura dei minori e l’istruzione.
– Agevolare percorsi di uscita da situazioni di difficoltà, promuovendo la conoscenza e l’uso delle risorse disponibili nel sistema di servizi alle persone offerti dall’Ufficio Pio e dal territorio.
– Costruire reti di supporto anche attraverso la collaborazione offerta dai volontari dell’Ufficio Pio.

I percorsi e i beneficiari

Il progetto offre sostegno economico a favore dei nuclei familiari in situazione di povertà temporanea e prevede interventi per sostenere l’autonomia generale, la condizione abitativa, la situazione sanitaria, scolastica e formativa, le responsabilità genitoriali nei confronti dei minori.
Possono accedere al progetto i nuclei famigliari con almeno un componente minorenne di età compresa tra 0 e 6 anni e con i seguenti requisiti:
– ISEE per prestazioni agevolate rivolte ai minorenni non superiore a Euro 6.500 in corso di validità nel 2017;
– cittadinanza italiana oppure regolare documento di soggiorno;
– residenza in uno dei seguenti comuni: Beinasco, Borgaro Torinese, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Pecetto Torinese, Pino Torinese, Rivoli, San Mauro Torinese, Settimo Torinese, Torino, Venaria Reale;
– regolare contratto abitativo intestato a uno dei componenti del nucleo (affitto, mutuo, proprietà, convenzionato e di mix sociale);
– non essere inseriti in strutture di accoglienza o in comunità;
– non aver ricevuto un trasferimento monetario dal progetto Acccoglienza Orientamento Sostegno nel 2016.

I servizi offerti

1. Accoglienza

I servizi di accoglienza, di orientamento e di sostegno economico e relazionale si traducono operativamente in: ascolto dei bisogni espressi dalla persona, analisi della situazione, delle risorse e dei punti deboli presenti nella famiglia e nel suo ambiente, raccolta della documentazione, individuazione degli strumenti offerti dall’organizzazione e delle risorse presenti sul territorio, focalizzazione di una strategia di cambiamento e delle priorità di intervento.

2. Sostegno economico

Dal 2016 è stato introdotto il trasferimento monetario quantificato in base alla tipologia famigliare. Il contributo per le famiglie con minori ha un valore di base di 2.500 Euro e varia sino a 3.500 Euro, in relazione al numero di figli minorenni o studenti presenti nel nucleo (non è retroattivo per i nuclei accolti prima del 2016).
Il contributo è erogato in tranche e la destinazione di utilizzo del denaro è frutto di una decisione condivisa tra famiglia, volontario e operatore dell’Ufficio Pio.

3. Orientamento alle risorse interne

Il progetto si configura come un servizio di primo livello attraverso il quale, sulla base di una progettazione personalizzata e condivisa tra famiglia e operatori, poter accedere a ulteriori servizi offerti da progetti di secondo livello come:

Lavoro e Formazione, per lo sviluppo di abilità e di competenze individuali che possano incidere sulle opportunità d’inserimento nel mercato del lavoro e della formazione professionale;
Abitare, per il mantenimento dei nuclei famigliari all’interno della loro abitazione in locazione;
Iniziative Estive, per offrire un’opportunità di divertimento, aggregazione e integrazione sociale ai minori di età compresa tra i 6 e i 14 anni.

4. Orientamento alle risorse esterne

Servizio di orientamento delle famiglie verso servizi offerti da enti partner dell’Ufficio Pio presenti sul territorio, come l’Associazione Terza Settimana per l’acquisto collettivo a costi ridotti di generi alimentari a lunga durata o la consegna di prodotti ortofrutticoli freschi, Action Aid, Articolo 47,  Programma 0-6 della Compagnia di San Paolo e la Cooperativa Eta Beta per la partecipazione ai laboratori sull’uso consapevole del denaro, sull’accompagnamento alla genitorialità, sulle competenze trasversali per l’occupazione e sulla conciliazione tempo lavoro e carichi di cura.

Il progetto, grazie alla collaborazione con la Fondazione Paideia, offre opportunità specifiche alle famiglie con figli diversamente abili, fino all’età di quattordici anni.

5. Orientamento alle risorse territoriali

Servizio di orientamento alle opportunità del territorio per promuovere l’inserimento delle famiglie in una rete prossimale di sostegno, di vicinato, di radicamento sul territorio per favorire il contrasto della solitudine e per consentire a uno o più componenti del nucleo risorse e capacità da impiegare a vantaggio di altre persone in difficoltà.