Senza dimora

Per permettere alle persone di reinserirsi nel contesto urbano e sociale, attraverso il recupero delle dimensioni abitativa ed economica.

Il progetto in sintesi

Senza Dimora si rivolge a persone sole o in coppia che hanno perso casa e lavoro accompagnandole nel percorso di reinserimento sociale.

I percorsi e i beneficiari

Nel panorama torinese dei servizi alle persone senza dimora l’Ufficio Pio agisce con interventi di seconda istanza (medio-alta soglia) lavorando in rete con gli altri attori sociali.
Il progetto si rivolge a persone:
– maggiorenni di ambo i sessi;
– sole o coppie senza figli a carico;
– che vivono in strada o in sistemazioni di fortuna, in dormitori o strutture residenziali temporanee, in coabitazione temporanea presso familiari o amici;
– che possiedono la cittadinanza italiana o persone straniere comunitarie ed extracomunitarie con documento di regolare soggiorno;
– residenti nella città di Torino o nei comuni confinanti;
– in assenza di dipendenze attive da sostanze psicoattive e comportamenti;
– che hanno perso l’autonomia abitativa da non più di 12 mesi;
– che hanno perso l’attività lavorativa da non più di 24 mesi al momento della segnalazione.

Le persone possono essere segnalate all’Ufficio Pio, attraverso il modulo di domanda predisposto, esclusivamente dai servizi sociali della Città di Torino o da una organizzazione del terzo settore che sta accompagnando la persona senza dimora nel suo percorso progettuale.

I servizi offerti

1. Tirocini

Servizio attivato in convenzione con il Centro per l’Impiego della Città Metropolitana di Torino o con i servizi accreditati al Lavoro.

2. Sussidi vari

Erogazioni monetarie volte a sostenere spese di tipo abitativo, sanitario e formativo.

3. Avvicinamento al mondo del lavoro

Percorso di orientamento e accompagnamento allo sviluppo delle abilità lavorative per persone senza dimora. Prevede una parte di formazione in aula e la successiva attivazione di un Tirocinio.

4. Inclusione territoriale

Servizio dedicato a persone senza dimora finalizzato alla creazione di reti di prossimità.

5. Circolo del lavoro

Spazio attivato per stimolare/migliorare la capacità di ricerca attiva di lavoro o di percorsi formativi utili a migliorare il grado di occupabilità della persona.